In tutta la provincia di Pordenone i centri trasfusionali per il prelievo e la raccolta del sangue, del plasma e dei derivati registrano, nell’attuale mese di marzo, il tutto esaurito. Negli ospedali civili di Pordenone, Sacile, Aviano, San Vito al Tagliamento, Spilimbergo, a tutt’oggi, posti disponibili per le donazioni periodiche non ci sono più. Sono stati tutti occupati dai numerosi volontari che hanno risposto all’appello delle associazioni, delle autorità civili e sanitarie in primis.

E’ una notizia che ci fa rallegrare e sperare in questo momento difficile per tutti. Dobbiamo ringraziare i mass media che hanno trasmesso i numerosi inviti e incoraggiamenti a recarsi a donare senza paura e senza rischio di infezioni e di contrarre il Coronavirus da parte del donatore ma con la necessità assoluta di provvedere a mantenere costanti le scorte preziose per gli ammalati.

E’ con vivo compiacimento che ho constatato questo enorme afflusso di donatori che, approfittando della quarantena e delle improvvise sospensioni temporanee dal lavoro, hanno dato la loro disponibilità con entusiasmo e coraggio. Compiacimento e orgoglio anche per la gente della nostra terra che conferma il suo altruismo e lo storico spirito di sacrificio che la contraddistingue e che il tempo e le mode non hanno affatto offuscato.

Perciò guardiamo avanti con ottimismo e continuiamo fiduciosi su questa strada, dicendo anche noi che andrà tutto bene.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *