A seguito dell’ordinanza del Ministro della Salute del 12 agosto u.s e della comunicazione del Centro Nazionale Sangue del 13 agosto u.s. inerente le sospensioni per le persone rientrate da Spagna, Grecia, Malta e Croazia si delineano le seguenti situazioni che possono presentarsi con i donatori di sangue:

  1.     Donatore rientrato dal 13 agosto che nei 14 giorni precedenti  ha soggiornato o transitato nei paesi sopramenzionati  con referto cartaceo di tampone negativo: idoneo alla donazione
  2.    Donatore rientrato dal 13 agosto che nei 14 giorni precedenti ha soggiornato o transitato nei paesi sopramenzionati che riferisce di avere eseguito il tampone risultato negativo, ma senza il referto cartaceo: NON idoneo alla donazione
  3.    Donatore rientrato dal 13 agosto che nei 14 giorni precedenti ha soggiornato o transitato nei paesi sopramenzionati con appuntamento per il tampone: NON idoneo alla donazione.
  4.    Donatore rientrato dal 13 agosto che nei 14 giorni precedenti ha soggiornato o transitato nei paesi sopramenzionati e che non ha conoscenza della normative in vigore: NON idoneo alla donazione e obbligo di segnalazione da parte del medico del Servizio Trasfusionale al Dipartimento di Prevenzione di ASFO.

Nei casi 2, 3 e 4 il medico riportera’ nel questionario la motivazione della non idoneita’ con i dati riferiti dal donatore che firmera’ nell’apposito riquadro.

Nel caso 4 il donatore dovra’ essere informato che verra’ data comunicazione al Dipartimento di Prevenzione del suo rientro dal 13 agosto dagli Stati sopramenzionati.

Nei casi 2, 3 e 4 i donatori debbono essere sospesi in Emonet per 14 giorni per accertamenti in corso con l’inserimento della data di fine sospensione. Il donatore deve essere informato che la sua riamissione dipende dall’ esecuzione del tampone e dalla presentazione del referto cartaceo di negativita’.

Nel caso 4 il medico del Servizio Trasfusionale dovra’ inviare comunicazione al seguente indirizzo mail aziendale del Dipartimento di prevenzione “covid19.segnalazioni@asfo.sanita.fvg.it”  indicando: Nome, cognome, data di nascita del donatore, speficando lo Stato da cui e’ rientrato e la data.

Si sottolinea che l’ordinanza del Ministro prevede l’obbligo del tampone dal 13 agosto e che  solo 14 giorni di sospensione non ne rappresentano un’alternativa.

Per i donatori che sono rientrati prima del 13 agosto non c’e’ l’ obbligo del tampone, ma solo sospensione di 14 giorni secondo quanto definito dalle precedenti comunicazioni del CNS.

Si invitano le Associazioni e Federazioni del Sangue ad attivarsi per l’informativa al donatore al momento della prenotazione e le si ringraziano per la loro preziosa collaborazione.

E’ pervenuta comunicazione che l’Azienda ASFO sta gia’ predisponendo le risorse necessarie in previsione dell’aumentata richiesta di tamponi.

Si ricorda che le misure di prevenzione della diffusione da COVID 19 gia’ in atto presso tutte le sedi di raccolta continuano a  garantire la sicurezza del personale e dei donatori.

Consapevole dei possibili disagi che si chiede la collaborazione di tutti per ridurle al minimo e mantenere costanti le donazioni, in sicurezza e nell’ambito delle normative vigenti.   

Rimango a disposizione per qualsiasi delucidazione o casi dubbi. 

 Ringraziando per la collaborazione, invio cordiali saluti. 

 Dr. Andrea Bontadini

Direttore S.C. Medicina Trasfusionale

Direttore Dipartimento Medicina Trasfusionale Pordenone

Azienda Sanitaria Friuli Occidentale

Ospedale Santa Maria degli Angeli

Via Montereale 24 – 33170 Pordenone

Tel 0434 399217


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *